Decreto sostegni bis

Decreto sostegni bis: più tempo per pagare, ma con quali soldi?

Decreto sostegni bis

Decreto sostegni bis: più tempo per pagare, ma con quali soldi?

Il decreto sostegni bis ha conglobato anche altre disposizioni, sospendendo ulteriormente le cartelle esattoriali e disponendo i termini per i versamenti della rottamazione/saldo stralcio. Quindi l’attuale termine è il 31.08.2021.
Visto che c’eravamo, sarebbe stato utile intervenire in modo strutturale sul problema che sarà inevitabile e difficilmente gestibile: il reperimento della disponibilità per il pagamento. I versamenti oggetto di sospensione devono essere effettuati in unica soluzione entro il mese successivo al termine del periodo di sospensione.

Provo a spiegare l’imbuto a cui si andrà incontro. È ben vero che la proroga ha come obiettivo di dare respiro ai contribuenti interessati, però il numero delle rate potenzialmente sospese è decisamente elevato. Stiamo parlando di un periodo temporale che è iniziato l’08.03.2020. A questo punto le rate sospese potrebbero anche essere 18. Se nulla cambia, dovrebbero essere versate in una unica soluzione. Il dubbio lecito e logico è che se il problema era quello della liquidità del contribuente, come si può pensare che sia risolto e che riesca a sostenere il pagamento di una cifra decisamente “importante”?

Altra questione delicata è che la norma, non modificata e quindi ancora vigente, prevede la decadenza dalla rateazione nel caso di mancato pagamento di dieci rate anche non consecutive. Questo significa che al termine della sospensione, nel caso in cui non si dovessero pagare almeno 9 delle rate interessate, si decadrebbe dal beneficio della rateazione. Una eventuale nuova rateazione sarebbe possibile solo versando quanto non pagato. Però anche in questo caso c’è una discriminazione di non poco conto perchè quanto appena esposto non vale per chi invece era già decaduto dai benefici della rateazione alla data dell’08.03.2020.

In sede di conversione del decreto legge viene anche cumulato un intervento in merito alle date di pagamento delle somme dovute in base alle procedure della rottamazione e del saldo e stralcio. Il nuovo calendario viene modulato in relazione alla scadenza delle rate precedenti differenziando il nuovo termine. La norma afferma come il versamento delle rate da corrispondere nell’anno 2020 e di quelle da corrispondere il 28 febbraio, il 31 marzo, il 31 maggio e il 31 luglio 2021 ai fini delle definizioni agevolate è considerato tempestivo e non determina l’inefficacia delle stesse definizioni se effettuato integralmente, con l’applicazione del periodo di tolleranza di cinque giorni:

  1. entro il 31 luglio 2021, relativamente alle rate in scadenza il 28 febbraio 2020 e il 31 marzo 2020;
  2. entro il 31 agosto 2021, relativamente alla rata in scadenza il 31 maggio 2020.

Giuliano Vendrame
Si Systems Trieste

PER CONTATTI compilate l’apposito form
Seguici su Facebook

Tags:

richiedi informazioni

Compila il form sottostante ed un nostro incaricato ti ricontatterà nel minor tempo possibile

    Dichiaro di aver preso visione alla informativa sulla Privacy e acconsento al Trattamento dei Dati - Leggi INFORMATIVA PRIVACY

    le ultime news

    Pil 2021, S&P alza le stime al +6,4% e l’ISTAT segue la linea

    Pil 2021, S&P alza le stime al +6,4% e l’ISTAT segue la linea

    Il rapporto di S&P ha migliorato le previsioni sul pil italiano per il 2021...

    Leggi di più

    Cessione aiuti COVID: anche qui blocchi antifrode

    Cessione aiuti COVID: anche qui blocchi antifrode

    Si corre il rschio che in futuro le cessioni di questi crediti potrebbero essere a rischio e bloccate, se non anche rifiutate...

    Leggi di più

    Bonus edilizi (minori) addio…

    Bonus edilizi (minori) addio…

    I nuovi obblighi rischiano seriamente di abbattere la convenienza di molte agevolazioni edilizie...

    Leggi di più

    Aiuti Covid ricevuti: l’Agenzia delle Entrate ne vuole un rendiconto

    Aiuti Covid ricevuti: l’Agenzia delle Entrate ne vuole un rendiconto

    Ancora un nuovo adempimento per chi ha ricevuto indennizzi o sostegni in forma di esenzioni fiscali, crediti d'imposta, contributi diretti.

    Leggi di più

    Bonus edilizi, TUTTI da asseverare

    Bonus edilizi, TUTTI da asseverare

    Nuovi obblighi di visto e asseverazione tecnica per i bonus diversi dal 110% ad effetto retroattivo e con costi non agevolabili...

    Leggi di più

    Paradisi fiscali ed evasori

    Paradisi fiscali ed evasori

    L’Italia a causa di Lussemburgo, Irlanda, Olanda ed altri paradisi fiscali perde un gettito fiscale di almeno 6,5 miliardi di euro...

    Leggi di più

    Cartelle esattoriali, cassa integrazione e imprese in crisi

    Cartelle esattoriali, cassa integrazione e imprese in crisi

    Vista l'evidente crisi economica, come mai la spedizione delle cartelle esattoriali è ripartita?

    Leggi di più

    Identità digitale: delega per i servizi online e allo sportello

    Identità digitale: delega per i servizi online e allo sportello

    Dal 16.08.2021 i rapporti con l'Inps gestiti anche dall'amico di famiglia...

    Leggi di più

    Contributi a FONDO PERDUTO: niente sanzione a chi li omette in dichiarazione

    Contributi a FONDO PERDUTO: niente sanzione a chi li omette in dichiarazione

    L'agenzia delle entrate riconosce che non ci sono i requisiti per la sanzione per dichiarazione infedele...

    Leggi di più

    Covid a scuola: finestre aperte anche se fa freddo

    Covid a scuola: finestre aperte anche se fa freddo

    Si studia come sarà la ripresa dell'anno scolastico e si pensano a delle regole, ad esempio...

    Leggi di più

    Annullamento dei debiti

    Annullamento dei debiti

    Annullati i debiti di importo residuo, fino ad € 5.000 comprensivo di capitale, interessi e sanzioni...

    Leggi di più

    Conti correnti esteri? Arriva la GdF

    Conti correnti esteri? Arriva la GdF

    Nelle prossime settimane la Guardia di Finanza procederà con le richieste d’identità dei contribuenti...

    Leggi di più

    Detrazioni: ma quante ne esistono? Semplificare è difficile

    Detrazioni: ma quante ne esistono? Semplificare è difficile

    Crescono sempre di più le norme e le complicazioni, con richiami a più di un dettato...

    Leggi di più

    Contributi: la caccia ai furbetti è iniziata

    Contributi: la caccia ai furbetti è iniziata

    L'Agenzia delle Entrate ha inziato a dare la caccia ai c.d. “furbetti del contributo a fondo perduto”...

    Leggi di più