Accordo con il fisco

Accordo con il fisco molto fragile

Accordo con il fisco

Accordo con il fisco molto fragile

L’accordo tra fisco e contribuente si rompe immediatamente se, anche a seguito di errori, il soggetto che ha aderito all’istituto mette mano per correggere la dichiarazione presa a riferimento per il patto alterando i dati e le informazioni nel modello e determinando una diversa quantificazione dei redditi o del valore della produzione netta rispetto la dichiarazione originaria.

Nessun errore è ammesso anche sulla dichiarazione precedente quella utilizzata per definire il concordato. In caso infatti di accertamento sull’anno d’imposta citato, qualora venga rilevata l’esistenza di attività non dichiarate o l’inesistenza o l’indeducibilità di passività dichiarate, per un importo superiore al 30% dei ricavi dichiarati il contribuente aderente decade immediatamente dall’istituto. Queste sono alcune considerazioni sul decreto legislativo in materia di procedimento accertativo, approvato in esame preliminare dal consiglio dei ministri, che stabilisce il perimetro applicativo del concordato preventivo biennale (CPB) ovvero la nuova modalità di “accordo” tra fisco e contribuente per definire la base imponibile nei due anni successivi a quello di sottoscrizione del patto.

Le dichiarazioni non si toccano. Vengono disciplinate le cause di decadenza dal concordato con effetti che impattano sia sulla dichiarazione presa a base dell’accordo sia su quella precedente.

L’anno d’imposta precedente la “firma” infatti rientra a pieno titolo nel perimetro del CPB e deve essere annualità oggetto di seria analisi da parte del contribuente in fase di accettazione dell’accordo poiché, in caso di accertamento su quell’annualità, qualora dovessero emergere attività non dichiarate o costi inesistenti o non deducili, se il reddito accertato risulta poi superiore al 30% di quello dichiarato si decade immediatamente dall’istituto.

Qualora il contribuente volesse aderire al CPB è consigliabile quindi effettui una seria verifica sull’annualità precedente l’accordo e, in caso di errori rilevati, proceda con la presentazione di una integrativa per rendere “perfetto” il modello ed anticipare i possibili rilievi dell’amministrazione fiscale.

Inoltre, è stabilita una ulteriore condizione per mantenere operativo il concordato e cioè che la dichiarazione presa a riferimento dal fisco non deve essere modificata o integrata, o meglio non può avere integrazioni tali da determinare un diversa quantificazione dei redditi o del valore della produzione netta rispetto a quelli in base ai quali è avvenuta l’accettazione della proposta di accordo.

Questo requisito è di assoluto buon senso e logica poiché sarebbe impensabile mantenere un patto strutturato dalla base di una dichiarazione con valori reddituali non più esistenti perché magari stravolti dalla presentazione di una integrativa.

Fuori dal patto anche coloro che non pagano le imposte concordate. Come molti istituti, compresi quelli della c.d. tregua fiscale, di fatto anche il CPB si formalizza con il pagamento delle imposte generate dal reddito imponibile concordato tra amministrazione e contribuente.

In caso di non pagamento delle citate imposte è prevista la decadenza dal concordato a patto però che le stesse non vengano versate con ravvedimento operoso ai sensi dell’articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472.

L’istituto è però utilizzabile però fino a quando la violazione non sia stata già constatata e comunque non siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento delle quali l’autore o i soggetti solidalmente obbligati abbiano avuto formale conoscenza.

Giuliano Vendrame
17/11/2023

PER CONTATTI compilate l’apposito form
Seguici su Facebook

 

Tags:

richiedi informazioni

Compila il form sottostante ed un nostro incaricato ti ricontatterà nel minor tempo possibile

    Dichiaro di aver preso visione alla informativa sulla Privacy e acconsento al Trattamento dei Dati - Leggi INFORMATIVA PRIVACY

    le ultime news

    Cartelle AdER: possibilità immediata di 120 rate

    Cartelle AdER: possibilità immediata di 120 rate

    Maxi dilazione immediata, fino a ad un massimo di 120 rate, in caso di particolari e gravi eventi...

    Leggi di più

    Pensione? Una chimera…

    Pensione? Una chimera…

    L’adeguamento alla speranza di vita non riguarda più solo l’età (oggi a 64 anni), ma anche la contribuzione (oggi 20 anni)...

    Leggi di più

    Riforma fiscale (quella nuova): cominciamo a correggerla…

    Riforma fiscale (quella nuova): cominciamo a correggerla…

    Come accade nei gran premi, pronti via e subito ai box, per inserire alcune norme di correzione di quanto appena approvato...

    Leggi di più

    Banche dati del Fisco: sono sicure?

    Banche dati del Fisco: sono sicure?

    Sarebbe interessante sapere cosa ne pensano proprio i notai...

    Leggi di più

    Società a responsabilità limitata, scambio di quote senza il notaio

    Società a responsabilità limitata, scambio di quote senza il notaio

    Sarebbe interessante sapere cosa ne pensano proprio i notai...

    Leggi di più

    Cartelle non riscosse: discarico dopo 5 anni

    Cartelle non riscosse: discarico dopo 5 anni

    Cartelle non riscosse automaticamente scaricate dal magazzino esattoriale dopo il 31 dicembre...

    Leggi di più

    Rateazione AdER più lunga

    Rateazione AdER più lunga

    Se il contribuente dichiara di essere in temporanea situazione di "obiettiva difficoltà", l'Agenzia delle Entrate Riscossione concede...

    Leggi di più

    Criptovaluta: proviamo a tracciarne le operazioni 

    Criptovaluta: proviamo a tracciarne le operazioni 

    Le operazioni in cripto valuta saranno tracciate nella stessa maniera dei bonifici tradizionali effettuati attraverso il conto corrente...

    Leggi di più

    Rottamazione quater: a che punto siamo

    Rottamazione quater: a che punto siamo

    La situazione al 31.12.2023 dice che quasi la metà delle rottamazioni quater è già andata in fumo...

    Leggi di più

    Registro europeo con i dati dei titolari di cripto, cassette di sicurezza e c/c

    Registro europeo con i dati dei titolari di cripto, cassette di sicurezza e c/c

    Sarà creato un registro che conterrà i dati di titolari di cassette di sicurezza, di conti correnti, ma anche di criptovalute...

    Leggi di più

    Tracciamento criptovalute

    Tracciamento criptovalute

    Le operazioni in criptovaluta saranno tracciate allo stesso modo di bonifici tradizionali...

    Leggi di più

    Decreto superbonus, la Camera approva, ora aspettiamo il Senato

    Decreto superbonus, la Camera approva, ora aspettiamo il Senato

    Via libera della Camera al decreto legge sulle agevolazioni fiscali nel settore edilizio...

    Leggi di più

    Crisi d’impresa

    Crisi d’impresa

    Adeguati assetti organizzativi, amministrativi e contabili per prevenire la crisi dell’impresa...

    Leggi di più

    Cessione crediti, superbonus ma non solo…

    Cessione crediti, superbonus ma non solo…

    Dal 08.01.2024 Poste Italiane non acquisterà più i crediti da bonus edilizi del 2023...

    Leggi di più

    Superbonus, forse c’è ancora speranza

    Superbonus, forse c’è ancora speranza

    Non tutto è perduto per il salvagente tecnico del Superbonus messo a punto dalla legge di bilancio 2024...

    Leggi di più

    Nuovo calcolo tasse: che confusione!

    Nuovo calcolo tasse: che confusione!

    Flat tax incrementale, nuova Irpef, concordato preventivo biennale, maxi-deduzione...

    Leggi di più