bancomat

Servono contanti ma non c’è un bancomat?

bancomat

Servono contanti ma non c’è un bancomat? Il nostro governo ha risolto anche questo problema

Ma non come pensi tu, obbligando le banche a lasciarli, anche se vorrebbero toglierli. No no. Obbligano i tabaccai, le edicole, le farmacie, le casse dei supermercati e grande distribuzione a diventare dei bancomat.

Oltretutto non c’è nemmeno il problema dell’antiriciclaggio (D. Lgs 231/2007) se il prelievo non supera i 250 euro. Ma questo significa che se lo supera… si innesca tutto il procedimento, che non è per niente semplice? Sì!

Però, quando si andava allo sportello Bancomat questo problema non esisteva, anche con cifre superiori (come mai questa “differenza”?).

Lo prevede la Manovra 2024 con una norma che si applica a tutti i comuni ma è stata pensata (e io fingo crederci…) soprattutto per gli enti sotto i 5.000 abitanti e le aree interne che più di tutti sono a rischio spopolamento e desertificazione e per questo spesso assistono alla fuga degli istituti di credito e alla chiusura delle filiali.

Di qui la supplenza dei cosiddetti “esercizi commerciali di prossimità” che grazie alle moderne tecnologie (la possibilità di prelevare contante, oltre che con il bancomat, anche utilizzando QR code tramite device connessi a internet) possono rappresentare un’opportunità per i cittadini dei mini-enti. Un’opportunità che, tuttavia, mal si concilia con gli adempimenti antiriciclaggio previsti dalla normativa nazionale talmente più restrittiva della disciplina Ue da rendere gli intermediari italiani (come spiega la relazione che accompagna la legge di bilancio) meno competitivi rispetto ai concorrenti di altri Paesi europei.

Sai cosa dice la normativa italiana sull’antiriciclaggio? Prevede dei requisiti particolarmente stringenti per lo svolgimento di operazioni occasionali effettuate tramite reti distributive terze. Queste operazioni, che comportano per i prestatori di servizi di pagamento l’obbligo di svolgere gli adempimenti di adeguata verifica solo al superamento della soglia di 15.000 euro (o di 1.000 euro per i trasferimenti di fondi), richiedono sempre l’adeguata verifica, a prescindere dall’importo, quando sono effettuate tramite “soggetti convenzionati e agenti”, quali appunto tabaccai, edicole, farmacie, supermercati.

Se lo stesso prelievo è effettuato presso un bancomat non ci sono invece obblighi di nessun tipo. Tutto questo, spiega la relazione della Manovra, “costituisce una frizione allo sviluppo di iniziative volte a diffondere taluni servizi di pagamento, come i prelievi, attraverso reti di prossimità e può determinare l’insorgere di aspetti di incertezza con riferimento all’applicazione della normativa antiriciclaggio alle nuove modalità di erogazione del servizio”.

Ecco perchè il MEF ha deciso di introdurre, nella legge di bilancio, una soglia per esentare gli esercizi commerciali di prossimità che consentano, in via occasionale, attraverso la loro rete distributiva, servizi di prelievo del contante per importi non significativi. La norma della Manovra quindi consente ai prestatori di servizi di pagamento di adempiere agli obblighi di adeguata verifica per le operazioni di prelievo di contante effettuate presso “soggetti convenzionati e agenti” solo se si tratta di prelievi di importo superiore a 250 euro al giorno.

Una soglia che la legge di bilancio ritiene “in linea con i dati relativi al prelievo medio effettuato da carte collegate a conti correnti e carte prepagate”. Sotto tale soglia non ci sarebbero obblighi e ciò “avrebbe effetti positivi accrescendo le opportunità di accesso al contante, in controtendenza rispetto alla contrazione osservata nel numero degli sportelli bancari tradizionali presenti sul territorio (- 30% tra il 2011 e il 2020)”. Il governo stima che la sburocratizzazione dei prelievi sotto i 250 euro possa avere effetti positivi per tutti. Per le banche, perché accrescerebbe l’inclusione finanziaria, incentivando l’apertura di conti di pagamento e strumenti connessi.

Ma anche per chi preferisce l’uso del contante e ha maggiore difficoltà con i pagamenti elettronici perché migliorerebbe l’efficienza e la sicurezza grazie alla maggiore presenza di punti di prelievo sul territorio. “Con questa norma, facciamo sintesi tra due temi apparentemente lontani, piccoli comuni e antiriciclaggio, per garantire servizi ai cittadini e per elevare il livello della loro qualità della vita, in particolare per coloro che risiedono nei mini-enti e nelle aree interne”, ha osservato il sottosegretario Savino. (e io continuo a fingere di credere che lo scopo sia questo…)

Giuliano Vendrame
12/11/2023

PER CONTATTI compilate l’apposito form
Seguici su Facebook

 

Tags: , , ,

richiedi informazioni

Compila il form sottostante ed un nostro incaricato ti ricontatterà nel minor tempo possibile

    Dichiaro di aver preso visione alla informativa sulla Privacy e acconsento al Trattamento dei Dati - Leggi INFORMATIVA PRIVACY

    le ultime news

    Cartelle AdER: possibilità immediata di 120 rate

    Cartelle AdER: possibilità immediata di 120 rate

    Maxi dilazione immediata, fino a ad un massimo di 120 rate, in caso di particolari e gravi eventi...

    Leggi di più

    Pensione? Una chimera…

    Pensione? Una chimera…

    L’adeguamento alla speranza di vita non riguarda più solo l’età (oggi a 64 anni), ma anche la contribuzione (oggi 20 anni)...

    Leggi di più

    Riforma fiscale (quella nuova): cominciamo a correggerla…

    Riforma fiscale (quella nuova): cominciamo a correggerla…

    Come accade nei gran premi, pronti via e subito ai box, per inserire alcune norme di correzione di quanto appena approvato...

    Leggi di più

    Banche dati del Fisco: sono sicure?

    Banche dati del Fisco: sono sicure?

    Sarebbe interessante sapere cosa ne pensano proprio i notai...

    Leggi di più

    Società a responsabilità limitata, scambio di quote senza il notaio

    Società a responsabilità limitata, scambio di quote senza il notaio

    Sarebbe interessante sapere cosa ne pensano proprio i notai...

    Leggi di più

    Cartelle non riscosse: discarico dopo 5 anni

    Cartelle non riscosse: discarico dopo 5 anni

    Cartelle non riscosse automaticamente scaricate dal magazzino esattoriale dopo il 31 dicembre...

    Leggi di più

    Rateazione AdER più lunga

    Rateazione AdER più lunga

    Se il contribuente dichiara di essere in temporanea situazione di "obiettiva difficoltà", l'Agenzia delle Entrate Riscossione concede...

    Leggi di più

    Criptovaluta: proviamo a tracciarne le operazioni 

    Criptovaluta: proviamo a tracciarne le operazioni 

    Le operazioni in cripto valuta saranno tracciate nella stessa maniera dei bonifici tradizionali effettuati attraverso il conto corrente...

    Leggi di più

    Rottamazione quater: a che punto siamo

    Rottamazione quater: a che punto siamo

    La situazione al 31.12.2023 dice che quasi la metà delle rottamazioni quater è già andata in fumo...

    Leggi di più

    Registro europeo con i dati dei titolari di cripto, cassette di sicurezza e c/c

    Registro europeo con i dati dei titolari di cripto, cassette di sicurezza e c/c

    Sarà creato un registro che conterrà i dati di titolari di cassette di sicurezza, di conti correnti, ma anche di criptovalute...

    Leggi di più

    Tracciamento criptovalute

    Tracciamento criptovalute

    Le operazioni in criptovaluta saranno tracciate allo stesso modo di bonifici tradizionali...

    Leggi di più

    Decreto superbonus, la Camera approva, ora aspettiamo il Senato

    Decreto superbonus, la Camera approva, ora aspettiamo il Senato

    Via libera della Camera al decreto legge sulle agevolazioni fiscali nel settore edilizio...

    Leggi di più

    Crisi d’impresa

    Crisi d’impresa

    Adeguati assetti organizzativi, amministrativi e contabili per prevenire la crisi dell’impresa...

    Leggi di più

    Cessione crediti, superbonus ma non solo…

    Cessione crediti, superbonus ma non solo…

    Dal 08.01.2024 Poste Italiane non acquisterà più i crediti da bonus edilizi del 2023...

    Leggi di più

    Superbonus, forse c’è ancora speranza

    Superbonus, forse c’è ancora speranza

    Non tutto è perduto per il salvagente tecnico del Superbonus messo a punto dalla legge di bilancio 2024...

    Leggi di più

    Nuovo calcolo tasse: che confusione!

    Nuovo calcolo tasse: che confusione!

    Flat tax incrementale, nuova Irpef, concordato preventivo biennale, maxi-deduzione...

    Leggi di più