Bonus a fondo perduto per gli interventi detraibili al 90%

Bonus a fondo perduto

Bonus a fondo perduto per gli interventi detraibili al 90%

Dal 2 al 31 ottobre sarà possibile presentare le domande per l’ottenimento del contributo a fondo perduto determinato sulle spese sostenute, dal 1° gennaio scorso e fino a fine ottobre 2023, sugli interventi edilizi eseguiti sugli immobili adibiti a prima casa e parti comuni dei condomini. L’Agenzia delle Entrate ha predisposto istruzioni e modello e fissato il termine di presentazione delle istanze da presentare esclusivamente in via telematica.

Il comma 3 dell’art. 9 del dl 176/2022 ha previsto l’erogazione di un contributo in favore dei soggetti che si trovano nelle condizioni reddituali di cui ai commi 8-bis e 8.bis.1 del DL 34/2020 e che sostengono spese per interventi agevolati con il bonus 90%, di cui ai periodi primo e terzo del comma 8-bis dell’art. 119 del DL 34/2020. Il contributo, come indicato anche dal provvedimento che ha fissato modalità, modello e termini di presentazione dell’istanza, viene erogato dall’Agenzia delle Entrate sulla base di criteri e di modalità definite dal DM 31/07/2023 e non concorre alla formazione della base imponibile delle imposte sui redditi.

Come indicato dal citato decreto, quindi, il contributo è a fondo perduto ed è riconosciuto ai soggetti meno abbienti, in relazione alle spese per gli interventi agevolati con bonus al 90%, di cui al primo e terzo periodo del comma 8-bis dell’art. 119 del dl 34/2020. Il contributo spetta per le spese sostenute da persone fisiche per gli interventi agevolati con bonus al 90% effettuati su edifici interamente posseduti composti da due a quattro unità immobiliari, o su parti comuni di edifici condominiali, o sulle singole unità immobiliari poste all’interno dei predetti edifici o condomini ovvero su edifici unifamiliari o su singole unità immobiliari indipendenti e autonome collocate in edifici plurifamiliari.

L’agevolazione è erogata alla persona fisica che sostiene le spese per gli interventi indicati, ma che presenta un reddito di riferimento non superiore a 15 mila euro, determinato ai sensi dell’art. 119 DL 34/2020 e che risulta titolare di un diritto di proprietà o di un diritto reale di godimento sull’unità immobiliare oggetto dell’intervento o, per gli interventi effettuati dai condomini, sull’unità immobiliare facente parte del condominio e abbia adibito la predetta unità immobiliare ad abitazione principale (circ. 13/E/2023). Beneficiari dell’agevolazione sono anche gli eredi che conservano la detenzione materiale e diretta dell’immobile, in relazione agli interventi sostenuti dal de cuius.

La base per il calcolo della misura del contributo è il quantum di spesa rimasto a carico del richiedente su un massimo di spesa agevolabile pari a 96 mila euro e, di conseguenza, l’ammontare del contributo richiesto è pari al 10% delle spese agevolabili sostenute dal richiedente fino a un massimo di 9.600 euro.

La misura del contributo riconosciuto sarà determinata in base al numero di domande presentate nel rispetto dei fondi stanziati (20 milioni di euro) e, quindi, saranno ripartite in base al rapporto percentuale tra l’ammontare delle risorse disponibili e l’ammontare complessivo dei contributi richiesti; la percentuale di ripartizione spettante sarà comunicata, con successivo provvedimento, entro il 30.11.2023.

L’istanza, completa dei dati del richiedente potrà essere presentata nell’intervallo fissato tra il 02.10 al 31.10.2023, anche tramite un intermediario abilitato alla consultazione del “Cassetto fiscale”, con il modello allegato al provvedimento ma esclusivamente in via telematica, mediante una specifica procedura che sarà disponibile nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate; alla presentazione dell’istanza sarà rilasciata una prima ricevuta che comunicherà la presa in carico dell’istanza, cui seguirà la comunicazione dell’esito della richiesta.

Infine, le somme dovute a titolo di restituzione del contributo, per disconoscimento in tutto o in parte, con aggravio di sanzioni e interessi, dovranno essere versate secondo l’art. 17 del dlgs 241/1997, con esclusione della compensazione ma il soggetto che ha percepito indebitamente il contributo potrà procedere anche con la restituzione spontanea, versando interessi e sanzioni ridotte, ai sensi dell’art. 13 del dlgs 472/1997; la restituzione, in entrambi i casi, dovrà avvenire con il modello F24 utilizzando gli specifici codici tributo ancora da istituire.

Giuliano Vendrame
30/09/2023

PER CONTATTI compilate l’apposito form
Seguici su Facebook

 

Tags: ,

richiedi informazioni

Compila il form sottostante ed un nostro incaricato ti ricontatterà nel minor tempo possibile

    Dichiaro di aver preso visione alla informativa sulla Privacy e acconsento al Trattamento dei Dati - Leggi INFORMATIVA PRIVACY

    le ultime news

    Aumenta il numero delle rate

    Aumenta il numero delle rate

    Per debiti inferiori o pari a 120 mila euro la rateazione potrà essere concessa fino a...

    Leggi di più

    Cartelle esattoriali, si va verso una nuova sanatoria?

    Cartelle esattoriali, si va verso una nuova sanatoria?

    Fisco amico! Sarà ma molti non ci credono...

    Leggi di più

    Concordato Preventivo Biennale

    Concordato Preventivo Biennale

    Per chi non aderisce ci sarà la possibilità di finire in liste di controllo...

    Leggi di più

    Criptovalute sotto lo sguardo della Guardia di Finanza

    Criptovalute sotto lo sguardo della Guardia di Finanza

    Particolare attenzione viene rivolta dalla GdF a eventuali fenomeni elusivi...

    Leggi di più

    Superbonus: quanto pesa sulle casse dello Stato?

    Superbonus: quanto pesa sulle casse dello Stato?

    L’impressione che se ne ricava è che i numeri in bilancio siano stati messi un po’ a naso...

    Leggi di più

    Sanzioni Iran. Da chi e perché?

    Sanzioni Iran. Da chi e perché?

    La UE è pronta a imporre nuove sanzioni all'Iran dopo l'attacco del Paese contro Israele...

    Leggi di più

    Draghi presidente della Commissione Ue? 

    Draghi presidente della Commissione Ue? 

    La Meloni dice di essere contenta che si parli di un italiano...

    Leggi di più

    Superbonus, basta a future agevolazioni a carico dello Stato

    Superbonus, basta a future agevolazioni a carico dello Stato

    il Superbonus, il bonus facciate e Transizione 4.0 hanno inciso marcatamente sui conti pubblici...

    Leggi di più

    IMU sugli immobili occupati

    IMU sugli immobili occupati

    Gli immobili occupati abusivamente sono esonerati dal pagamento dell’Imu...

    Leggi di più

    Cartelle AdER: possibilità immediata di 120 rate

    Cartelle AdER: possibilità immediata di 120 rate

    Maxi dilazione immediata, fino a ad un massimo di 120 rate, in caso di particolari e gravi eventi...

    Leggi di più

    Pensione? Una chimera…

    Pensione? Una chimera…

    L’adeguamento alla speranza di vita non riguarda più solo l’età (oggi a 64 anni), ma anche la contribuzione (oggi 20 anni)...

    Leggi di più

    Riforma fiscale (quella nuova): cominciamo a correggerla…

    Riforma fiscale (quella nuova): cominciamo a correggerla…

    Come accade nei gran premi, pronti via e subito ai box, per inserire alcune norme di correzione di quanto appena approvato...

    Leggi di più

    Banche dati del Fisco: sono sicure?

    Banche dati del Fisco: sono sicure?

    Sarebbe interessante sapere cosa ne pensano proprio i notai...

    Leggi di più

    Società a responsabilità limitata, scambio di quote senza il notaio

    Società a responsabilità limitata, scambio di quote senza il notaio

    Sarebbe interessante sapere cosa ne pensano proprio i notai...

    Leggi di più

    Cartelle non riscosse: discarico dopo 5 anni

    Cartelle non riscosse: discarico dopo 5 anni

    Cartelle non riscosse automaticamente scaricate dal magazzino esattoriale dopo il 31 dicembre...

    Leggi di più

    Rateazione AdER più lunga

    Rateazione AdER più lunga

    Se il contribuente dichiara di essere in temporanea situazione di "obiettiva difficoltà", l'Agenzia delle Entrate Riscossione concede...

    Leggi di più