Nuovo calcolo tasse

Nuovo calcolo tasse: che confusione!

Nuovo calcolo tasse

Nuovo calcolo tasse: che confusione!

Flat tax incrementale, nuova Irpef, concordato preventivo biennale (CPB) e maxi-deduzione del costo del lavoro complicano il calcolo delle imposte e la determinazione degli acconti dovuti per l’annualità 2024 e 2025.

Sia gli effetti della tassa piatta sugli incrementi reddituali, sia il nuovo impianto dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, per specifica previsione normativa, non devono essere considerati per la determinazione degli acconti 2024; al contrario invece il CPB, strumento che si applicherà per la prima volta sul anno d’imposta venturo, prevede un effetto anticipato sul acconti 2024 che dovranno già essere considerati a giugno e novembre prossimo tenendo già conto del maggior reddito “concordato” con l’agenzia delle entrate. Lo scenario, inoltre, si complica per gli acconti 2025, che non potranno tener oltre che della nuova Irpef, anche dell’imposta eventualmente ridotta nel 2024 grazie alla deduzione maggiorata sul costo del lavoro incrementale riferibile ai nuovi assunti, anch’essa disposizione “one shot”, in vigore solo per un anno d’imposta (il 2024), con effetti sugli acconti 2024 e 2025 neutralizzati.

Chi utilizzerà la flat tax incrementale nell’anno 2023 sarà obbligato ad un doppio calcolo delle imposte (con e senza effetti dell’agevolazione) per determinare gli acconti 2024. L’effetto del doppio calcolo è generato in diretta conseguenza della costruzione normativa della tassa piatta (articolo 1, commi da 55 a 57, della legge 29 dicembre 2022, n. 197 – legge di bilancio 2023), che si applica unicamente ai redditi prodotti per l’annualità 2023 senza produrre conseguenze sull’annualità successiva.

Stesso effetto, addirittura più ferreo, per l’applicazione del nuovo impianto Irpef con 3 aliquote e detrazioni rimodulate, disegnato nel decreto legislativo per la riforma Irpef ed Ires, che avrà decorrenza dalla prossima annualità senza però alcun impatto nella determinazione sia degli acconti per l’anno 2024 sia per l’anno 2025. In poche parole, quindi né la riduzione delle imposte realizzata nel 2023 con la flat tax incrementale né quella previsionalmente ottenibile nel 2024 con la nuova Irpef potranno essere considerate nella determinazione degli acconti targati 2024. Acconti 2024 che invece risentiranno anticipatamente dell’entrata in vigore del concordato preventivo biennale. L’accettazione del maggior reddito proposto dall’Agenzia delle entrate, valevole per l’anno d’imposta venturo, vincolerà infatti i contribuenti a considerare il correlato incremento delle imposte già in sede di versamento, a giugno e novembre del prossimo anno, degli acconti per l’anno 2024.

Anche per l’anno 2025 infatti, come anticipato, si genera un doppio calcolo delle imposte legato alla nuova Irpef, impianto normativo che resta valido solo per determinazione dei saldi e non degli acconti. Inoltre, si complicherà ulteriormente il calcolo dell’Irpef per i soggetti che utilizzeranno la maxi-deduzione del costo del lavoro concessa in caso di incrementi occupazionali. Anche questa norma infatti vincola i contribuenti ad un doppio calcolo delle imposte (che si somma al poc’anzi citato legato alla nuova Irpef) poiché la disposizione, presente anch’essa nel decreto legislativo per la riforma Irpef ed Ires, è valevole unicamente per l’anno d’imposta 2024 con effetti neutralizzati sugli acconti, sia quelli (previsionali) per la stessa annualità 2024, che andranno versati il prossimo giugno e novembre, sia quelli per l’anno 2025. Strada semplificata ma potenzialmente più onerosa invece per chi sottoscriverà il patto reddituale col fisco (il CPB) avendo di fatto imposte, acconti compresi, legati al maggior reddito figurativo attribuito dall’AE.

Giuliano Vendrame
14/12/2023

PER CONTATTI compilate l’apposito form
Seguici su Facebook

 

Tags: , ,

richiedi informazioni

Compila il form sottostante ed un nostro incaricato ti ricontatterà nel minor tempo possibile

    Dichiaro di aver preso visione alla informativa sulla Privacy e acconsento al Trattamento dei Dati - Leggi INFORMATIVA PRIVACY

    le ultime news

    Cartelle AdER: possibilità immediata di 120 rate

    Cartelle AdER: possibilità immediata di 120 rate

    Maxi dilazione immediata, fino a ad un massimo di 120 rate, in caso di particolari e gravi eventi...

    Leggi di più

    Pensione? Una chimera…

    Pensione? Una chimera…

    L’adeguamento alla speranza di vita non riguarda più solo l’età (oggi a 64 anni), ma anche la contribuzione (oggi 20 anni)...

    Leggi di più

    Riforma fiscale (quella nuova): cominciamo a correggerla…

    Riforma fiscale (quella nuova): cominciamo a correggerla…

    Come accade nei gran premi, pronti via e subito ai box, per inserire alcune norme di correzione di quanto appena approvato...

    Leggi di più

    Banche dati del Fisco: sono sicure?

    Banche dati del Fisco: sono sicure?

    Sarebbe interessante sapere cosa ne pensano proprio i notai...

    Leggi di più

    Società a responsabilità limitata, scambio di quote senza il notaio

    Società a responsabilità limitata, scambio di quote senza il notaio

    Sarebbe interessante sapere cosa ne pensano proprio i notai...

    Leggi di più

    Cartelle non riscosse: discarico dopo 5 anni

    Cartelle non riscosse: discarico dopo 5 anni

    Cartelle non riscosse automaticamente scaricate dal magazzino esattoriale dopo il 31 dicembre...

    Leggi di più

    Rateazione AdER più lunga

    Rateazione AdER più lunga

    Se il contribuente dichiara di essere in temporanea situazione di "obiettiva difficoltà", l'Agenzia delle Entrate Riscossione concede...

    Leggi di più

    Criptovaluta: proviamo a tracciarne le operazioni 

    Criptovaluta: proviamo a tracciarne le operazioni 

    Le operazioni in cripto valuta saranno tracciate nella stessa maniera dei bonifici tradizionali effettuati attraverso il conto corrente...

    Leggi di più

    Rottamazione quater: a che punto siamo

    Rottamazione quater: a che punto siamo

    La situazione al 31.12.2023 dice che quasi la metà delle rottamazioni quater è già andata in fumo...

    Leggi di più

    Registro europeo con i dati dei titolari di cripto, cassette di sicurezza e c/c

    Registro europeo con i dati dei titolari di cripto, cassette di sicurezza e c/c

    Sarà creato un registro che conterrà i dati di titolari di cassette di sicurezza, di conti correnti, ma anche di criptovalute...

    Leggi di più

    Tracciamento criptovalute

    Tracciamento criptovalute

    Le operazioni in criptovaluta saranno tracciate allo stesso modo di bonifici tradizionali...

    Leggi di più

    Decreto superbonus, la Camera approva, ora aspettiamo il Senato

    Decreto superbonus, la Camera approva, ora aspettiamo il Senato

    Via libera della Camera al decreto legge sulle agevolazioni fiscali nel settore edilizio...

    Leggi di più

    Crisi d’impresa

    Crisi d’impresa

    Adeguati assetti organizzativi, amministrativi e contabili per prevenire la crisi dell’impresa...

    Leggi di più

    Cessione crediti, superbonus ma non solo…

    Cessione crediti, superbonus ma non solo…

    Dal 08.01.2024 Poste Italiane non acquisterà più i crediti da bonus edilizi del 2023...

    Leggi di più

    Superbonus, forse c’è ancora speranza

    Superbonus, forse c’è ancora speranza

    Non tutto è perduto per il salvagente tecnico del Superbonus messo a punto dalla legge di bilancio 2024...

    Leggi di più

    Nuovo calcolo tasse: che confusione!

    Nuovo calcolo tasse: che confusione!

    Flat tax incrementale, nuova Irpef, concordato preventivo biennale, maxi-deduzione...

    Leggi di più